City brand

L'affido familiare è un'esperienza di solidarietà, una risposta di aiuto a un bambino e alla sua famiglia, che si trova momentaneamente in difficoltà nel rispondere ai suoi bisogni di cura.

Consiste nell'accogliere un bambino nel proprio nucleo familiare per un periodo di tempo  più o meno lungo. L'accoglienza si può strutturare in maniera diversa, secondo le esigenze dei minori e delle loro famiglie e la disponibilità dei nuclei affidatari.


Esistono infatti diverse tipologie di affido:

  • a tempo pieno: il bambino trascorre con gli affidatari giorno e notte, pur mantenendo rapporti periodici con la propria famiglia di origine, nelle modalità stabilite nel progetto di affido.
  • a tempo parziale (diurno o residenziale saltuario): il bambino trascorre con la famiglia affidataria parte della giornata e la sera torna a casa dai genitori naturali; oppure trascorre con la famiglia affidataria solo alcuni giorni e in genere il fine settimana rientra a casa.


Le famiglie che hanno bisogno di aiuto sono quelle che, in un preciso momento della loro vita e per determinati motivi, non riescono da sole a soddisfare i bisogni educativi, afffettivi e di cura dei propri figli. Questo può avvenire quando ci sono problemi di salute dei genitori, quando un genitore resta solo o in altre situazioni problematiche.

 I bambini che possono avere bisogno di un progetto di affido vanno da 0 a 18 anni,  con prevalenza nell'età della scuola primaria. Per alcuni di loro può essere consigliata l'accoglienza in una famiglia con figli, per altri in una famiglia senza figli o anche l'accompagnamento da parte di una persona single.

Tutti possono diventare genitori affidatari: non sono richiesti requisiti in merito al reddito, all'età, al titolo di studio o a competenze specifiche.

L'affido è una scelta arrricchente e impegnativa, che richiede:apertura e disponibilità ad accogliere nella propria vita e nella propria casa un bambino o un ragazzo, accettando il suo mondo e la sua storia senza pregiudizidisponibilità affettiva  e volontà di accompagnare per un tratto di strada un bambino o un ragazzo, senza la pretesa di cambiarlo, aiutandolo a sviluppare e a valorizzare le sue risorse e caratteristiche individualidisponibilità alla collaborazione con i servizi coinvolti nel progetto di affido.

Per chi desidera diventare affidatario è previsto un percorso di conoscenza e un sostegno  individuale e di gruppo, effettuato con il Servizio Affidi.

Chi desidera diventare affidatario può partecipare alle iniziative proposte dal Servizio Affidi: cineforum a tema, laboratori nelle scuole, incontri pubblici, corsi di formazione all'affido

La famiglia affidataria è una famiglia in più e non un‘alternativa a quella di origine!


W3C xhtml W3C Css